Piazza del Municipio, 5, 05017 Monteleone D'orvieto (TR)     |     comune.monteleonedorvieto@postacert.umbria.it     |     0763 834021
  • lang0

Corteo Storico

 

Storia e svolgimento del corteo storico e della giostra del Giglio

 

cavaliere      tambburini

 

Il Corteo storico di Monteleone d’Orvieto, che  si svolge il 16 di agosto, trae lo spunto dalla divisione esistente nel castello nel 1300 e 1400 fra le due casate dei Conti di Montemarte, guelfi e molto legati ai Monaldeschi di Orvieto, ed i conti di Marsciano (Bulgarelli o conti di Parrano).

La manifestazione che conta più di 400 figuranti, ideata e realizzata la prima volta nel 1981, si propone l’intento di ricreare momenti di vita, consuetudini e costumi trecenteschi.

Oltre ai casati di Montemarte e Marsciano sfila per primo il corpo dell’amministrazione.

L’organizzazione consta di tre associazioni: le due casate e l’Ente Corteo storico, che sovrintende alla buona organizzazione della manifestazione, vigila in merito alla qualita’ del corteo ed è il giudice in merito alle varie controversie riguardanti il palio.

Dal 1981 al 1996, al termine del corteo, si teneva il Palio del carro, consistente in una corsa di 6 contradaioli (vi erano 4 rioni: il Torrione, la porta, il borgo e San Rocco) che spingevano un carro.

Nel 1997 il palio è cambiato ed è divenuto la “Giostra del Giglio“.

Tale gara è una manifestazione equestre in cui si sfidano 4 cavalieri dei due casati.

I cavalieri, di opposte fazioni, si cimentano in una breve corsa da una linea di partenza comune (mossa) e, percorrendo corsie delimitate, strappano 2 drappi posti a 2,80 metri di altezza, che debbono essere  depositati in due appositi cesti distanti 20 metri dalla linea dello strappo.

La gara è divisa in manche ed il cavaliere che per primo appone due volte il drappo nel cesto, risulta il vincitore ed accede alla finale, per l’assegnazione del palio e del trofeo individuale (paliotto).

Ogni singola manche è ripetuta dagli stessi cavalieri, con ordine di entrata nella mossa invertita nel caso che nessuno dei due partecipanti riesca ad aggiudicarsi la prova stessa.

Dopo due prove nulle il drappo viene abbassato al bottone inferiore dello scudo che sorregge il giglio.

Nel caso in cui entrambe le gare siano vinte dai cavalieri di una stessa parte, il casato beneficiario vince direttamente il palio: la finale si corre ugualmente per l’attribuzione del trofeo individuale (paliotto) tra i vincitori della manche.

 

Casate e presidenti vincitori del Palio

  • 1997 Montemarte – Presidente di casato Danesi Agnese
  • 1998 Montemarte – Presidente di casato Danesi Agnese
  • 1999 Montemarte – Presidente di casato Danesi Agnese
  • 2000 Non disputato
  • 2001 Montemarte – Presidente di casato dimissionario
  • 2002 Montemarte – Presidente di casato Pattuglia Mario
  • 2003 Montemarte – Presidente di casato Pattuglia Mario
  • 2004 Marsciano – Presidente di casato Guidantoni Elisabetta
  • 2005 Montemarte – Presidente di casato dimissionario
  • 2006 Montemarte – Presidente di casato Franchini Valter
  • 2007 Marsciano – Presidente di casato Giuliacci Elisa
  • 2008 Montemarte – Presidente di casato Franchini Valter
  • 2009 Marsciano – Presidente di casato Giuliacci Elisa
  • 2010 Marsciano – Presidente di casato Pifferi Roberto
  • 2011 Montemarte – Presidente di casato Della Marta Gabriele
ultimo aggiornamento di Mercoledì 10 Maggio 2017 09:44
Valuta la pagina - stampa