Piazza del Municipio, 5, 05017 Monteleone D'orvieto (TR)     |     comune.monteleonedorvieto@postacert.umbria.it     |     0763 834021
  • lang0

Marchio De.Co.

Il comune di Monteleone d’Orvieto ha istituito il marchio DE.CO., marchio di Denominazione Comunale, che si andrà ad apporre ai prodotti monteleonesi legati alla tradizione e al territorio.

Che cos'è il De.Co.?

Il De.Co. non è un marchio di qualità, ma un'attestazione che lega in maniera anagrafica la derivazione di un prodotto/produzione al luogo storico; è una certificazione contrassegnata dal Sindaco a seguito di una delibera Comunale; è un censimento di produzioni che hanno un valore identitario per una comunità.

E', dunque, uno strumento flessibile per valorizzare le risorse della propria terra nel tentativo di garantire la biodiversità, traendone talvolta vantaggi sul piano turistico ed economico. Rappresenta, insomma, il passaggio dal generico “prodotto tipico” al “prodotto del territorio”.

La Denominazione Comunale (De.Co.) è la nuova frontiera sulla quale possono operare i sindaci per salvaguardare l'identità di un territorio legato ad una produzione specifica. La Denominazione Comunale è nata da un'idea di Gino Veronelli e, ad oggi, è già stata adottata da oltre 400 comuni italiani per tutelare e valorizzare in primis la produzione tipica del mondo agricolo, ma anche i piatti della tradizione e alcuni prodotti artigianali di eccellenza.

Si tratta in effetti di un sistema che vuole difendere il locale rispetto al fenomeno della globalizzazione, la quale tende ad omogeneizzare prodotti e sapori.

La De.Co. quindi, pur non essendo un marchio, rappresenta un riconoscimento concesso dall'Amministrazione Comunale a qualche cosa che è strettamente collegata al territorio e alla sua collettività, senza sovrapposizione alcuna con le denominazioni d'origine.

La De.Co. viene attribuita dal comune con apposita deliberazione consigliare ed è indubbiamente legata alla produzione tradizionale del territorio.

L’obiettivo è consentire sia al cittadino monteleonese che al turista di poter conoscere, apprezzare e degustare i prodotti là dove si producono.

Il DE.CO. andrà a preservare alcuni prodotti agroalimentari e finiti caratteristici per il Comune di Monteleone d’Orvieto al fine di fungere da volano per la valorizzazione del territorio e delle sue produzioni, così da far emergere non solo il settore enogastronomico ma anche e soprattutto infondere nuova linfa vitale al nostro paese e alle sue aziende, puntando in particolare sulla riscoperta del borgo e delle sue bellezze.

Chi può richiedere il marchio De.Co. di Monteleone d'Orvieto?

I prodotti che si fregiano della De.Co. devono essere prodotti e/o confezionati nell’ambito del territorio del Comune di MONTELEONE D’ORVIETO ed essere, comunque, strettamente legati alla storia, alla cultura e alle tradizioni locali.

La Denominazione Comunale può essere riconosciuta solo a quei prodotti e specialità che siano prodotti con gli ingredienti e secondo i modi previsti dagli usi e dalle tradizioni locali riconosciute.

In nessun caso potranno essere impiegati prodotti transgenici ovvero contenenti organismi geneticamente modificati (O.G.M.).

Per i prodotti trasformati e le preparazioni gastronomiche, nel disciplinare del singolo prodotto approvato dalla Giunta Comunale, sarà specificato se, in base alla specifica tradizione, uno o più degli ingredienti devono essere in tutto o in parte originari del territorio comunale o, eventualmente, provinciale.

ARTICOLO 8 del REGOLAMENTO PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITA’ AGROALIMENTARI E ARTIGIANALI TRADIZIONALI LOCALI. ISTITUZIONE DELLA De.Co. (Denominazione Comunale), di seguito riportato. 

Quali sono i Prodotti De.Co. Monteleonesi? 

  1. PERA DI MONTELEONE O PERA PAPERA
  2. ZAFFERANO
  3. OLIO EXTRA VERGINE D'OLIVA
  4. UMBRICHELLI
  5. GNOCCHI
  6. CIANFRAGNONI ALL'AGLIETTO
  7. FEGATELLI
  8. MAZZAFEGATA
  9. BISCOTTI CON L'ANICE
  10. BISCOTTI DI MAGRO
  11. TORTA DE PASQUA DOLCE E SALTA
  12. POLLO A LA RABBIONA E TORTA SOTTO AL FOCO E L'ERBA

I MARCHI: 

 Immagine Allegata

Foto

Tradizioni, folklore ed eventi

Tradizione e folklore   Monteleone d'Orvieto ha un patrimonio folklorico locale molto ricco di appuntamenti, legato alle ricorrenze religiose e ...

La chiesa del Crocefisso

Poco fuori della porta nord del paese, lungo la Umbro Casentinese, si trova la Chiesa del SS.mo Crocefisso. La costruzione, risalente al sec. XVII° ...

La Chiesa Parrocchiale

Era il centro della vita del primo nucleo del castello di Monteleone; davanti e di lato aveva un portico, la cui testimonianza resta ancora leggibile ...

Chiesa di Sant'Antonio

Della chiesa di Sant?Antonio di Padova, nominata per la prima volta in una visita pastorale nel 1729, non si conosce l?anno di costruzione, ma l?ex ...

Peculiarità di Monteleone

Cifre e nomi riassuntivi del territorio e della storia di Monteleone http://www.monteleoneonline.com/statistiche.htm (tratti dal sito ...

La torre dell'orologio

Sulla Piazza Pietro Bilancini, quasi come il fondale di un palcoscenico  si eleva la torre dell?orologio: fu costruita, alla fine del 1800, su ...

La Valdichiana medievale

Monteleone fa parte integrante della Valdichiana Romana, la parte della valle del fiume Chiani che era sotto il controllo dello Stato Pontificio. ...

Lo stemma comunale

Sono di fine XV secolo i primi documenti d'archivio in cui si può ammirare su sigilli di cera lacca - e successivamente anche nei primi timbri - lo ...

Le Confraternite di Monteleone

Sull?origine delle confraternite di Monteleone non si hanno notizie certe in quanto i primi documenti che di esse si conservano risalgono alla fine ...

La banda partigiana ?Monteleone?

Fra il l'ottobre 1943 e l'aprile 1944 si forma il gruppo partigiano "Banda di Monteleone d'Orvieto" costituito da 23 uomini, aggregato alla "Brigata ...

Teatro dei Rustici

Il Teatro dei Rustici di Monteleone d'Orvieto è uno dei più piccoli teatri storici al mondo. Prende il nome dall' Accademia Filodrammatica dei ...

Il borgo medievale

Un viale alberato, conduce dalla strada statale al centro storico; vi si accede dall?antica porta nord, aperta alla base di una delle torri della ...
ultimo aggiornamento di Mercoledì 24 Aprile 2019 12:22
Valuta la pagina - stampa