Piazza del Municipio, 5, 05017 Monteleone D'orvieto (TR)     |     comune.monteleonedorvieto@postacert.umbria.it     |     0763 834021

Ordinanza Regionale n.39 - Sagre, fiere, feste popolari, consultazione materiale cartaceo, utilizzo carte da gioco, manifestazioni storiche e apertura saune

News

Martedì 21 Luglio 2020 00:00

Ordinanza Regionale n.39 in materia di sagre, fiere, feste popolari, consultazione materiale cartaceo, utilizzo carte da gioco, manifestazioni storiche e apertura saune 

La Presidente Tesei ha firma l'ordinanza n. 39 che prevede:

Art. 1

E’ consentito l’esercizio delle attività di sagre e fiere locali, ivi comprese le mostre mercato e le feste popolari, nel rispetto delle specifiche linee guida per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative di cui all’allegato 1 del DPCM 14 luglio 2020, come approvate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome nella seduta del 9 luglio 2020 che allegate alla presente ordinanza ne costituiscono parte integrante e sostanziale – Allegato 1. Le sagre e feste popolari di cui alla legge regionale 21 gennaio 2015, n. 2 sono consentite per la durata massima di 4 giorni consecutivi.

Art. 2

L’esercizio delle attività di cui all’art. 1 dovrà avvenire nel rigoroso rispetto delle previsioni di cui alla scheda tecnica allegata al DPCM del 14 luglio 2020 oltre che con riferimento alle sagre e feste popolari alle previsioni della legge regionale 21 gennaio 2015, n. 2.

Art. 3 

Per le finalità di cui all’articolo 1, i termini previsti dal comma 3 dell’articolo 8 della legge regionale 21 gennaio 2015, n. 2 sono derogati limitatamente alle sagre e feste popolari la cui effettuazione inizia in data anteriore al sessantesimo giorno dall’entrata in vigore della presente ordinanza.

Art. 4

A decorrere dall’entrata in vigore della presente ordinanza nel territorio della Regione Umbria è consentito l’utilizzo delle carte da gioco nell’ambito delle attività economiche produttive e ricreative, nella rigorosa osservanza delle specifiche prescrizioni contenute nell’Allegato 1 al DPCM 14 luglio 2020 oltre che delle norme di legge vigenti.

Art. 5

A decorrere dall’entrata in vigore della presente ordinanza nel territorio della Regione Umbria è consentita la messa a disposizione di giornali, riviste o altro materiale cartaceo per la lettura o consultazione pubblica da parte dei clienti, all’interno di pubblici esercizi, degli studi professionali, delle attività di parrucchieri, tatuatori ed estetisti, e in generale in tutte le attività aperte al pubblico o che prevedano la fruizione da parte di clienti, purché sia indossata la mascherina e, prima e dopo il loro utilizzo, sia effettuata una minuziosa pulizia delle mani con acqua e sapone o con il gel igienizzante, da posizionarsi nelle vicinanze.

Art. 6

Sono consentite le manifestazioni storiche di cui alla legge regionale 29 luglio 2009, n. 16 “Disciplina delle manifestazioni storiche” nel rispetto delle schede tecniche - RISTORAZIONE, CINEMA E SPETTACOLI DAL VIVO - approvate dalla conferenza delle regioni in data 9 luglio 2020 e recepite dal DPCM del 14 luglio 2020.

Art. 7

E’ consentita l’apertura al pubblico delle saune in qualsiasi struttura, con caldo e secco e temperatura regolata in modo da essere sempre compresa tra gli 80° ed i 90°. Si applicano, per il resto, le disposizioni dell’apposita scheda relativa alle strutture termali e centri benessere contenute nell’allegato dell’ordinanza n. 33 del 12 giugno 2020.

Art. 8

La presente ordinanza è pubblicata nel sito istituzionale e nel Bollettino Ufficiale della Regione.

La presente ordinanza, per gli adempimenti di legge, viene trasmessa al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della Salute, ai Prefetti della Provincia di Perugia e della Provincia di Terni, ai Presidenti delle Province di Perugia e di Terni, al Presidente di ANCI Umbria, ai Sindaci dell’Umbria e alle Camere di Commercio di Perugia e Terni.

Avverso la presente ordinanza è ammesso ricorso giurisdizionale innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale nel termine di sessanta giorni dalla comunicazione, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato entro il termine di giorni centoventi.

In allegato:

  • ordinanza n.39 completa
  • linee guida Conferenza Stato-Regione 
Valuta la pagina - stampa