Piazza del Municipio, 5, 05017 Monteleone D'orvieto (TR)     |     comune.monteleonedorvieto@postacert.umbria.it     |     0763 834021

La Regione rifinanzia la legge 12/95: per i giovani imprenditori del Ternano 1 mln e 200.000 ? di incentivi

News

Mercoledì 10 Agosto 2011 15:34

Ammontano a 1 milione e 200.000 euro le risorse complessive per il finanziamento della legge regionale 12/95 finalizzata al sostegno dell'imprenditoria giovanile. Lo rende noto l'amministrazione provinciale di Terni delegata a gestire i fondi stanziati dalla Regione dell'Umbria, la quale ha previsto un pacchetto di 3 milioni di euro da suddividere fra le due province umbre.  L'assessore provinciale allo Sviluppo economico Domenico Rosati esprime, a nome dell'amministrazione, piena soddisfazione per i provvedimenti finalizzati al sostegno di nuove imprese avviate da giovani. "Nonostante il contesto economico-finanziario caratterizzato dal perdurare della crisi e dalla crescente riduzione delle risorse a discapito della finanza regionale e locale - afferma Rosati - grazie all'azione congiunta e all'unità di intenti di tutti gli enti interessati si è riusciti a garantire il mantenimento degli incentivi. Ulteriore motivo di soddisfazione - osserva ancora l'assessore - deriva dal riconoscimento dell'efficace gestione finora garantita dalle amministrazioni provinciali e del loro ruolo di enti di programmazione di area vasta, per cui saranno ancora le Province delegate a provvedere direttamente all'attuazione e gestione della legge regionale e all'attribuzione delle risorse stanziate". 

 A tal fine, la Provincia di Terni intende attivare interventi diretti alla migliore e completa utilizzazione delle risorse disponibili, in conformità alle esigenze espresse dal sistema produttivo ternano ed in linea con le politiche di sviluppo economico perseguite dall'Ente. In tal senso, si avvierà quanto prima un programma di animazione economica dell'area ternana, da attuarsi in stretta collaborazione con le forze economiche e sociali del territorio, il mondo accademico, le istituzioni locali e le associazioni di categoria, affinché grazie alla pluralità di competenze ed esperienze di cui detti soggetti sono portatori, possano essere colte tutte le opportunità, non solo economiche, messe in campo a diverso titolo per i giovani imprenditori. 
Valuta la pagina - stampa